Home arrow Guest Book

Ultimi Articoli

  • 17:32 - 23.12.2020 Nuntio Vobis ->> Riflessioni

     
    Messaggio di Avvento-Natale 2020 di S.E. Mons. Giuseppe Satriano, Vescovo eletto di Bari-Bitonto
     
     

    b8f57a4d-ebb7-4a18-8c41-7198466f09a5.jpeg«Abbiamo posto la nostra speranza nel Dio vivente» (1 Tm 4,10)

          Siamo entrati in Avvento, tempo denso di grazia, proiettato verso l'incontro con Cristo Gesù che, nel mistero di un amore grande e insondabile, torna a incontrare l'umanità per aprire i nostri orizzonti di vita a quella luce che viene dall'alto e che sola può orientare i cammini alla vita vera. Come pellegrini e mendicanti, ci incamminiamo verso il Natale del Signore, opportunità di rinascita per ciascuno.

     

    Figli della cultura dell'effimero

          Questo tempo difficile ci ha spogliato di certezze fragili. Per troppo tempo fuorviati da una cultura dell'effimero e dell'apparenza, siamo invitati a guardare dentro il mistero della vita, dove tutto è dono: le persone, la natura, l'aria che respiriamo, l'acqua che beviamo, la realtà che ci circonda.

          Abbiamo concesso troppo spazio a ciò che non è essenziale ed oggi ci manca tutto. Ci ritroviamo esistenze piene di cose ma vuote di relazioni, sempre più povere di abbracci veri. Capaci di connetterci con il mondo intero, non ci accorgiamo di chi soffre sull'uscio delle nostre case. Viviamo in un territorio segnato da ferite antiche che oggi sono insopportabili. La pandemia sta evidenziando i mali del nostro vivere e, al tempo stesso, sta esaltando le scelte coraggiose e ricche di umanità, che diversi tra noi sono ancora capaci di compiere.

     

    Avvento come ritorno alle origini

          In questo contesto siamo chiamati ad entrare nell'Avvento del Signore come ritorno alle origini della bellezza del vivere. Celebrare la Sua nascita tra noi è ritrovare quella dignità, propria di ogni uomo, capace di restituire a ciascuno il contatto più autentico con ciò che nutre l'umano: la consapevolezza di essere figli di Dio e figli amati.

          L'Avvento diviene, dunque, tempo di speranza, non perché proiettati verso visioni ottimiste del futuro ma in quanto possiamo ricostruire percorsi nuovi a partire da ciò che è fondamento per l'esistenza di tutti. La speranza ha un nome: Gesù, il Dio vivente; Egli attende ancora di essere accolto nelle nostre esistenze, nelle scelte che operiamo quotidianamente.

     

    Leggi tutto...
  • 20:20 - 04.12.2020 Nuntio Vobis ->> Riflessioni

    nativit_scena.jpg

    Il dibattito sul Natale si concentra sui sacrifici che il virus impone a chi non potrà riunirsi e a chi non potrà tenere aperte le attività, problemi reali.

    Ma qualcuno pensa anche al Natale delle famiglie delle 57.000 persone che la Covid-19 si è portata via?

     

    Ci siamo quasi e il Natale monopolizza il dibattito pubblico: è, inevitabilmente, l'oggetto dell'ennesimo decreto in arrivo. In quanti si potrà stare a tavola? Ci si potrà spostare? Sarà lecito partire? Riunire pezzi di famiglie disperse? Andare in montagna senza sciare? Raggiungere le seconde case? Un amore lontano? Un genitore solo? Aprire un ristorante? Andare a Messa a mezzanotte o alle 22?

    Sono le domande che rimbalzano in queste ore, tutte cruciali a loro modo. Sappiamo che nascondono problemi reali: la paura di ridurre la festa a un collage di solitudini; la preoccupazione per attività economiche congelate mentre si assottigliano i risparmi e magari aumentano i debiti. Pensieri fondati per la sopravvivenza morale, materiale, spirituale.

    Eppure nascondono una grande rimozione, in tutto questo dibattere, domandarsi e domandare, sembra che nessuno voglia guardare dove sarebbe bello sperare che guardi il Gesù Bambino che arriva, per chi ci crede: al Natale di chi, attaccato all'ossigeno combatte per vedere la fine dell'Avvento e di chi, specularmente, aspetta a casa la chiamata di uno sconosciuto per sapere come va; al Natale delle persone rimaste attorno agli oltre 57.000 che tra noi se ne sono andati appesi a un ultimo respiro in mani esperte e pietose ma sconosciute oppure a casa loro nell'angoscia di una famiglia in attesa di una diagnosi e di un soccorso che non sono arrivati in tempo. Tante volte, soprattutto nella prima fase, senza neanche il conforto di un rito di passaggio che a chi resta dà almeno, forse, cristianamente o foscolianamente, la consolazione spirituale. Senza contare gli altri, che sfuggono ai numeri già enormi citati, che se ne sono andati per ragioni diverse dalla Covid-19 ma hanno avuto l'assistenza necessaria impedita dal pericolo del contagio, mentre tutto il peso restava affidato alle premure, amorevoli certo, ma inesperte dei loro familiari. Facce estreme opposte della stessa solitudine, superata forse soltanto da chi se n'è andato senza intorno nessuno.

     

    Leggi tutto...
  • 18:53 - 28.11.2020 Nuntio Vobis ->> Annunci Parrocchiali

     

    A partire dalla prima Domenica d'Avvento, farà ingresso la nuova traduzione del Messale Romano approvata da papa Francesco.

    Ecco le principali differenze:

     

     

    nuovo_messale.jpeg

     

    Leggi tutto...
  • 18:03 - 28.11.2020 Giovani ->> ANSPI

    christmas-bell.pngNatale con l'Anspi christmas-bell.png
    Se è vero che questo sarà un Natale difficile

    è anche vero che la famiglia dell'Anspi non vi lascerà soli!


    Un calendario dell'Avvento molto particolare ricco di video, tutorial, racconti, fotografie e momenti di riflessione

    per alzare lo sguardo oltre l'orizzonte e prepararci insieme al Signore che viene!

     

    avventoanspi.png

     

    Seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram

     

     


    Leggi tutto...
  • 21:51 - 22.11.2020 l'Incontro online ->> dalla Redazione

     

    Presso il Centro Parrocchiale, nelle edicole e nei negozi è possibile acquistare

    il nuovo numero de l'incontro!

     

    Vi ricordiamo che acquistando un numero di questo periodico
    (o, meglio ancora, abbonandovi)
    darete un importante contributo per far sì che L'incontro
    continui a svolgere la missione che si è preposta trent' anni fa:
    essere strumento di informazione e amplificazione della voce dei cittadini di Toritto.


    Chiunque può collaborare, a titolo gratuito, basta contattare la redazione presso il Centro Parrocchiale
    o inviare una email all'indirizzo lincontro@sannicolatoritto.it .

     

    incontro_settembre20.jpg

     

    In questo numero:

     

    Responsabilità e Carita in tempo di Covid: l'editoriale di don Marino Cutrone

    Il cancro al tempo del Coronavirus

    La pandemia COVID-19: dal disequilibrio psico-fisico ad una "nuova" ordinarietà 

    I pilastri della nostra agricolutra

    ...

    e molto altro ancora!

    Leggi tutto...

Guest Book

Firma il registro


Redazione    24 febbraio 2010 16:09 | Nessuna CittÃ
Pronte le foto della sesta edizione del Presepe Vivente. Nella stessa cartella trovate le fotografie delle passate edizioni.

FOTO DEL PRESEPE VIVENTE

Redazione    17 febbraio 2010 12:16 | Nessuna CittÃ
Ciao Thomas,
a breve troverai le foto del presepe vivente e del gruppo parrocchiale al carnevale torittese nella sezione foto&video.
Scusate i tempi tecnici al momento sono un po' lunghetti.

Thomas Nitti    11 gennaio 2010 20:24 | Nessuna CittÃ
Scusate, le foto del presepe vivente di quest'anno dove sono?

Redazione    18 giugno 2009 20:24 | Nessuna CittÃ
Nella sezione "Foto&Video" le fotografie della 22ma edizione del Festival Anspi della canzone oratoriana.

Stefano Servedio    30 aprile 2009 16:03 | Nessuna CittÃ
a partire da domenica 3, per tutte le domeniche di maggio, presso il piccolo teatro san giuseppe..alle ore 20.00...divertente commedia intitolata "MI E' CADUTA UNA CAVALLA NEL LETTO..!"
non mancate..!

Redazione    21 gennaio 2009 14:42 | Nessuna CittÃ
Nella sezione "Foto&Video" alcune fotografie della quinta edizione del Presepe Vivente nel borgo antico.

Stefano Servedio    16 gennaio 2009 18:09 | Nessuna CittÃ
Come al solito vi aggiorno sulla stagione del Piccolo Teatro San Giuseppe.
il 18, 25 Gennaio e 1, 8 febbraio andrà in scena la commedia:
47 MORTO CHE PARLA di Ettore Petrolini
Inizio ore 20.00
NON MANCATE!!!! ;)

Stefano Servedio    09 novembre 2008 18:45 | Nessuna CittÃ
tutte le domeniche di novembre presso il Piccolo Teatro San Giuseppe ci saranno proiezioni di opere e operette. Alle ore 20.00
Inoltre verranno suonati dei brani dal vivo dai giovani dell' Associazione Lucarelli- Caraccia

Non mancate ;)


108
voci del registro
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 »

EasyBook

Vinaora Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday1457
mod_vvisit_counterYesterday1339
mod_vvisit_counterThis week1457
mod_vvisit_counterThis month21159
mod_vvisit_counterAll6155691

Login

Live Users

Created by Francesco Benedetto