Home arrow Guest Book

Ultimi Articoli

  • 18:54 - 08.04.2021 Nuntio Vobis ->> Riflessioni

    cero_pasqua21.jpeg
     
    spiegazione_cero21.jpeg

     

    Leggi tutto...
  • 15:31 - 03.04.2021 Nuntio Vobis ->> Riflessioni

    "L'avevano riconosciuto allo spezzar del pane"

     

    pasqua_vescovo21.jpg Carissime sorelle e carissimi fratelli,

    dalla clinica riabilitativa dove mi trovo, in attesa di un migliore recupero della salute, pensandovi con gioia, desidero far giungere a ciascuno di voi un pensiero augurale per la Pasqua e il tempo di speranza che si apre dinanzi.

    Evitiamo il lockdown dei sentimenti


    Siamo circondati dalla sofferenza e constatiamo fragilità, precarietà, limite, disperazione.
    Sospesi tra timore e incertezze, rischiamo il lockdown dei sentimenti che, messi a dura prova, possono essere minimizzati e blindati dalla paura. Pur nella fatica di questi giorni e di un domani incerto e nebuloso, adoperiamoci affinché l'umano si manifesti nella forma più bella, sapendo attingere alla speranza pasquale che ci offre la consapevolezza di non essere più soli in Cristo.

     

    Abbiamo bisogno di comunicarci affetto e solidarietà, attraverso le modalità più consone al cuore, così come ha fatto Gesù con i suoi, all'indomani della Risurrezione. Lui, il Vivente, ci accompagna e si rivela con il linguaggio della tenerezza, della vicinanza e della condivisione.

     

    Gesù parla al cuore, nutre i corpi, dona consolazione e pace.
    Se scorriamo i brani evangelici che narrano le apparizioni del Risorto, dal giardino del sepolcro (Gv 20, 1-18) alla riva del lago di Tiberiade (Gv 21,1-19), dal Cenacolo (Gv 20) a Emmaus (Lc 24, 13-35), Gesù comunica la sua presenza coinvolgendosi mediante un linguaggio che tocca e accarezza la vita dei suoi, sino a farla vibrare, trasalire di gioia e cambiare.

     

    La Maddalena rinasce ascoltando il suo nome sussurrato dal Maestro: "Maria"; Pietro vince ogni ritrosia e paura, affrontando l'acqua del lago per raggiungere Gesù, giungendo a dichiarargli il suo amore: "Signore, tu lo sai che ti amo";

    Tommaso esplode in una professione di fede, pronunciando parole meravigliose: "Mio Signore e mio Dio"; Cleopa e il suo compagno di viaggio, allo spezzare del pane, riconoscono il Maestro e abbandonano la via della tristezza e dello smarrimento per fare ritorno a Gerusalemme.

    La vita, per tutti loro, si fa dono e diviene annuncio del Vangelo che salva.

    Leggi tutto...
  • 18:50 - 20.02.2021 Gruppi&Co ->> Caritas

    caritas_campagna21.jpeg

    Leggi tutto...
  • 18:49 - 20.02.2021 Gruppi&Co ->> Caritas

    forma_pane.jpeg

     

    La Quaresima di Carità è la proposta della
    Caritas per il tempo quaresimale.
    Alla comunità parrocchiale, a tutti i credenti
    e a tutti coloro che sono toccati dal nostro stile
    di carità, viene proposto di vivere nella generosità
    il tempo penitenziale che ci prepara alla
    Pasqua chiedendoci la conversione del cuore
    verso Dio e verso i fratelli.
    In Caritas stiamo affrontando molte difficoltà
    in questo delicato periodo.
    Me è pur sempre tempo di Quaresima e forse,
    a causa del Coronavirus, stiamo sperimentando
    un vero e proprio deserto che è anche
    soprattutto spirituale e relazionale.
    Stiamo anche constatando la difficoltà di
    tenere aperti i nostri servizi a causa del venir
    meno delle forze volontarie e delle restrizioni
    imposte giustamente dalle autorità competenti.
    Rimane nostro compito dare voce a chi non
    ha voce anche in questo periodo dove chi è ai
    margini si ritrova ad esserlo ancora di più.

     don Marino

    Leggi tutto...
  • 16:49 - 16.02.2021 Nuntio Vobis ->> Papa Francesco

     

    "Ecco, noi saliamo a Gerusalemme..." (Mt 20,18).

    Quaresima: tempo per rinnovare fede, speranza e carità.

     

     

    papa-quaresima-2021.jpgCari fratelli e sorelle,

    annunciando ai suoi discepoli la sua passione, morte e risurrezione, a compimento della volontà del Padre, Gesù svela loro il senso profondo della sua missione e li chiama ad associarsi ad essa, per la salvezza del mondo.

    Nel percorrere il cammino quaresimale, che ci conduce verso le celebrazioni pasquali, ricordiamo Colui che «umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce» (Fil 2,8). In questo tempo di conversione rinnoviamo la nostra fede, attingiamo l'"acqua viva" della speranza e riceviamo a cuore aperto l'amore di Dio che ci trasforma in fratelli e sorelle in Cristo. Nella notte di Pasqua rinnoveremo le promesse del nostro Battesimo, per rinascere uomini e donne nuovi, grazie all'opera dello Spirito Santo. Ma già l'itinerario della Quaresima, come l'intero cammino cristiano, sta tutto sotto la luce della Risurrezione, che anima i sentimenti, gli atteggiamenti e le scelte di chi vuole seguire Cristo.

    Il digiuno, la preghiera e l'elemosina, come vengono presentati da Gesù nella sua predicazione (cfr Mt 6,1-18), sono le condizioni e l'espressione della nostra conversione. La via della povertà e della privazione (il digiuno), lo sguardo e i gesti d'amore per l'uomo ferito (l'elemosina) e il dialogo filiale con il Padre (la preghiera) ci permettono di incarnare una fede sincera, una speranza viva e una carità operosa.

     

    1. La fede ci chiama ad accogliere la Verità e a diventarne testimoni, davanti a Dio e davanti a tutti i nostri fratelli e sorelle.

    In questo tempo di Quaresima, accogliere e vivere la Verità manifestatasi in Cristo significa prima di tutto lasciarci raggiungere dalla Parola di Dio, che ci viene trasmessa, di generazione in generazione, dalla Chiesa. Questa Verità non è una costruzione dell'intelletto, riservata a poche menti elette, superiori o distinte, ma è un messaggio che riceviamo e possiamo comprendere grazie all'intelligenza del cuore, aperto alla grandezza di Dio che ci ama prima che noi stessi ne prendiamo coscienza. Questa Verità è Cristo stesso, che assumendo fino in fondo la nostra umanità si è fatto Via - esigente ma aperta a tutti - che conduce alla pienezza della Vita.

    Il digiuno vissuto come esperienza di privazione porta quanti lo vivono in semplicità di cuore a riscoprire il dono di Dio e a comprendere la nostra realtà di creature a sua immagine e somiglianza, che in Lui trovano compimento. Facendo esperienza di una povertà accettata, chi digiuna si fa povero con i poveri e "accumula" la ricchezza dell'amore ricevuto e condiviso. Così inteso e praticato, il digiuno aiuta ad amare Dio e il prossimo in quanto, come insegna San Tommaso d'Aquino, l'amore è un movimento che pone l'attenzione sull'altro considerandolo come un'unica cosa con sé stessi (cfr Enc. Fratelli tutti, 93).

    La Quaresima è un tempo per credere, ovvero per ricevere Dio nella nostra vita e consentirgli di "prendere dimora" presso di noi (cfr Gv 14,23). Digiunare vuol dire liberare la nostra esistenza da quanto la ingombra, anche dalla saturazione di informazioni - vere o false - e prodotti di consumo, per aprire le porte del nostro cuore a Colui che viene a noi povero di tutto, ma «pieno di grazia e di verità» (Gv 1,14): il Figlio del Dio Salvatore.

     

     

     

     

    Leggi tutto...

Guest Book

Firma il registro


Redazione    24 febbraio 2010 16:09 | Nessuna CittÃ
Pronte le foto della sesta edizione del Presepe Vivente. Nella stessa cartella trovate le fotografie delle passate edizioni.

FOTO DEL PRESEPE VIVENTE

Redazione    17 febbraio 2010 12:16 | Nessuna CittÃ
Ciao Thomas,
a breve troverai le foto del presepe vivente e del gruppo parrocchiale al carnevale torittese nella sezione foto&video.
Scusate i tempi tecnici al momento sono un po' lunghetti.

Thomas Nitti    11 gennaio 2010 20:24 | Nessuna CittÃ
Scusate, le foto del presepe vivente di quest'anno dove sono?

Redazione    18 giugno 2009 20:24 | Nessuna CittÃ
Nella sezione "Foto&Video" le fotografie della 22ma edizione del Festival Anspi della canzone oratoriana.

Stefano Servedio    30 aprile 2009 16:03 | Nessuna CittÃ
a partire da domenica 3, per tutte le domeniche di maggio, presso il piccolo teatro san giuseppe..alle ore 20.00...divertente commedia intitolata "MI E' CADUTA UNA CAVALLA NEL LETTO..!"
non mancate..!

Redazione    21 gennaio 2009 14:42 | Nessuna CittÃ
Nella sezione "Foto&Video" alcune fotografie della quinta edizione del Presepe Vivente nel borgo antico.

Stefano Servedio    16 gennaio 2009 18:09 | Nessuna CittÃ
Come al solito vi aggiorno sulla stagione del Piccolo Teatro San Giuseppe.
il 18, 25 Gennaio e 1, 8 febbraio andrà in scena la commedia:
47 MORTO CHE PARLA di Ettore Petrolini
Inizio ore 20.00
NON MANCATE!!!! ;)

Stefano Servedio    09 novembre 2008 18:45 | Nessuna CittÃ
tutte le domeniche di novembre presso il Piccolo Teatro San Giuseppe ci saranno proiezioni di opere e operette. Alle ore 20.00
Inoltre verranno suonati dei brani dal vivo dai giovani dell' Associazione Lucarelli- Caraccia

Non mancate ;)


108
voci del registro
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 »

EasyBook

Vinaora Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday1886
mod_vvisit_counterYesterday1981
mod_vvisit_counterThis week7834
mod_vvisit_counterThis month38784
mod_vvisit_counterAll6295667

Login

Live Users

No Members Online.
Created by Francesco Benedetto