Home arrow Nuntio Vobis
Nuntio Vobis
dic 04 2020
Il Natale 2020 che nessuno vuole guardare PDF Stampa E-mail
Riflessioni
Scritto da Elisa Chiari   
venerdì 04 dicembre 2020

nativit_scena.jpg

Il dibattito sul Natale si concentra sui sacrifici che il virus impone a chi non potrà riunirsi e a chi non potrà tenere aperte le attività, problemi reali.

Ma qualcuno pensa anche al Natale delle famiglie delle 57.000 persone che la Covid-19 si è portata via?

 

Ci siamo quasi e il Natale monopolizza il dibattito pubblico: è, inevitabilmente, l'oggetto dell'ennesimo decreto in arrivo. In quanti si potrà stare a tavola? Ci si potrà spostare? Sarà lecito partire? Riunire pezzi di famiglie disperse? Andare in montagna senza sciare? Raggiungere le seconde case? Un amore lontano? Un genitore solo? Aprire un ristorante? Andare a Messa a mezzanotte o alle 22?

Sono le domande che rimbalzano in queste ore, tutte cruciali a loro modo. Sappiamo che nascondono problemi reali: la paura di ridurre la festa a un collage di solitudini; la preoccupazione per attività economiche congelate mentre si assottigliano i risparmi e magari aumentano i debiti. Pensieri fondati per la sopravvivenza morale, materiale, spirituale.

Eppure nascondono una grande rimozione, in tutto questo dibattere, domandarsi e domandare, sembra che nessuno voglia guardare dove sarebbe bello sperare che guardi il Gesù Bambino che arriva, per chi ci crede: al Natale di chi, attaccato all'ossigeno combatte per vedere la fine dell'Avvento e di chi, specularmente, aspetta a casa la chiamata di uno sconosciuto per sapere come va; al Natale delle persone rimaste attorno agli oltre 57.000 che tra noi se ne sono andati appesi a un ultimo respiro in mani esperte e pietose ma sconosciute oppure a casa loro nell'angoscia di una famiglia in attesa di una diagnosi e di un soccorso che non sono arrivati in tempo. Tante volte, soprattutto nella prima fase, senza neanche il conforto di un rito di passaggio che a chi resta dà almeno, forse, cristianamente o foscolianamente, la consolazione spirituale. Senza contare gli altri, che sfuggono ai numeri già enormi citati, che se ne sono andati per ragioni diverse dalla Covid-19 ma hanno avuto l'assistenza necessaria impedita dal pericolo del contagio, mentre tutto il peso restava affidato alle premure, amorevoli certo, ma inesperte dei loro familiari. Facce estreme opposte della stessa solitudine, superata forse soltanto da chi se n'è andato senza intorno nessuno.

 

Leggi tutto...
 
nov 28 2020
Nuovo Messale PDF Stampa E-mail
Annunci Parrocchiali
Scritto da Angela Fariello   
sabato 28 novembre 2020

 

A partire dalla prima Domenica d'Avvento, farà ingresso la nuova traduzione del Messale Romano approvata da papa Francesco.

Ecco le principali differenze:

 

 

nuovo_messale.jpeg

 

 
nov 28 2020
Prima domenica di Avvento PDF Stampa E-mail
Riflessioni
Scritto da Angela Fariello   
sabato 28 novembre 2020
1avvento20.png
In ascolto della Parola:

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare.
Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all'improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».
Mc 13, 33-37
Riflessione

"Non sapete quand'è il momento" dice Gesù nel Vangelo di oggi che inaugura l'Avvento.
È un periodo tutto particolare, una sorta di allenamento a spezzare gli schemi e le consuetudini. Da un lato comincia la preparazione del Natale non solo quella liturgica, ma anche quella della pancia e del portafoglio: cene, cenoni, pranzi e regali - "cosa riceverò quest'anno?".
Leggi tutto...
 
nov 04 2020
Mons. Giuseppe Satriano - chi è il nuovo Vescovo PDF Stampa E-mail
Annunci Parrocchiali
Scritto da Angela Fariello   
mercoledì 04 novembre 2020

 

Il Santo Padre ha nominato Arcivescovo dell'Arcidiocesi di Bari-Bitonto S. E. Mons. Giuseppe Satriano, finora alla guida dell'Arcidiocesi di Rossano-Cariati.

S. E. Mons. Giuseppe Satriano nasce a Brindisi l'8 settembre 1960, da Luigi, medico anestesista e rianimatore e Giovanna Mastropierro, casalinga. Dopo di lui vengono alla luce Annamaria, Nicola e Corrado. Dopo gli studi al Liceo Scientifico di Brindisi, entra nel Seminario Regionale di Molfetta, dove compie il cammino di formazione per il sacerdozio.

 

Il 28 settembre 1985 viene ordinato Presbitero per l'Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni.

 

Nel 2006 si iscrive all'Istituto "Regina Apostolorum" di Roma, dove consegue la Licenza in Bioetica.

 

Ha svolto i seguenti incarichi:

dal 1984 al 1993 è stato Educatore e poi Padre Spirituale nel Seminario diocesano di Ostuni, con la responsabilità di seguire il Gruppo di Orientamento Vocazionale.

Dal 1985 al 1997 è stato Insegnante di Religione ad Ostuni presso la Scuola Media Statale "S. Giovanni Bosco" e poi al Liceo Scientifico Statale "L. Pepe" ad Ostuni e al Liceo Classico Statale "Calamo" ad Ostuni.

Dal 1993 al 1997 è stato Vicario Parrocchiale della parrocchia Maria SS. Annunziata di Ostuni.

Dal 1997 al 2000 Sacerdote "fidei donum" in Kenya-Marsabit, come Parroco

Dal 2001 al 2003 Rettore del Seminario diocesano

Dal 1985 Canonico Mansionario del Capitolo Cattedrale di Ostuni e dal 1991 Canonico del Capitolo Cattedrale.

Dal 2003 viene chiamato a servire la Chiesa diocesana come Vicario Generale con i seguenti altri incarichi: Vicario Episcopale per il Clero e la Vita Consacrata; Cappellano del Villaggio Turistico "Rosa Marina" di Ostuni.

Dal 2003 al 2012 Assistente delle Missionarie della Regalità.

Dal 2002 Responsabile della formazione dei sacerdoti giovani sino al 2013.

Dal 1984 Don Giuseppe ha accompagnato le varie realtà umane presenti all'interno de "La Nostra Famiglia", Istituto presente nel territorio di Brindisi e Ostuni, seguendo ragazzi disabili e genitori, Giovani volontari e altri gruppi legati alla spiritualità del Beato Luigi Monza, fondatore di questa realtà benemerita.

Delegato del Consiglio Affari Economici della Diocesi.

Dal 2013, Parroco-Arciprete della Chiesa Madre di Mesagne.

Il 15 Luglio 2014 è eletto Arcivescovo di Rossano-Cariati; ordinato Vescovo il 3 Ottobre 2014.

Dal 26 Ottobre 2014 è Arcivescovo di Rossano-Cariati.

 

Nel ringraziare ancora Sua Eccellenza mons. Francesco Cacucci per il servizio reso finora con fede, carità e saggezza pastorale nella guida della nostra Chiesa locale, esprimiamo a Dio e al Santo Padre Francesco la nostra gratitudine per il grande dono di un nuovo Vescovo, formulando fin d'ora i migliori auguri per un cammino fecondo in questa nostra Chiesa, in questa nostra terra e nelle diverse realtà che sono state affidate alla sua cura di Padre e Pastore.

L'intercessione della Vergine Odegitria, di San Nicola, di San Sabino e della Beata Elia di San Clemente, accompagnino il suo ministero.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 82 - 90 di 633

Vinaora Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday567
mod_vvisit_counterYesterday3054
mod_vvisit_counterThis week8605
mod_vvisit_counterThis month64846
mod_vvisit_counterAll9025824

Login

Live Users

Created by Francesco Benedetto