Home arrow Nuntio Vobis
Nuntio Vobis
giu 05 2010
Corpus domini. Il dono PDF Stampa E-mail
Riflessioni
Scritto da Redazione   
sabato 05 giugno 2010
O l'eucarestia contagia la nostra vita, la riempie, la modella, la plasma, la informa o resta sterile, morta, inutile. La Messa inizia proprio nel momento in cui usciamo dalla porta della chiesa. E dura un'intera settimana. Quel pane ricevuto ci aiuta a sfamare la folla, ad accorgerci della fame insaziata di chi incontreremo durante la settimana e a mettere a disposizione quel poco che siamo per sfamare ogni uomo, nel corpo e nell'anima. 
corpus_domini2.jpg

Fa strano pensare di celebrare una messa per riflettere sulla Messa, buffo che ogni anno dobbiamo, proprio durante la Cena, fermarci a riflettere sul senso ultimo e profondo di ciò che stiamo facendo.
Se ciò accade è per cercare di arginare l'abitudine, per smuovere e risvegliare le nostre stanche e assonnate comunità, per chiederci - infine - cosa ne abbiamo fatto del dono del Risorto ai credenti, l'eucarestia.
Bene o male la partecipazione alla Messa domenicale segna l'argine fra "praticanti" e no, fra chi crede e chi, credendo, si raduna in obbedienza al Signore. Ma la messa domenicale rischia, ahimè, di restare l'unico, fragile segno di appartenenza, un obbligo da assolvere, una scipita appartenenza che non converte il nostro cuore.
Quando mi incontro con qualche pretonzolo in giro per l'Italia le tre domande d'obbligo sono: quante parrocchie hai? Quanti abitanti ci sono? Che percentuale di partecipazione alla messa festiva? E se anche avessimo il 100% della popolazione che partecipa alla Messa? Ciò significa che il Regno di Dio avanza? Non mi importa quanta gente partecipa alla Messa.
Mi importa di più quanti escono convertiti e consolati, prete in testa. 
Leggi tutto...
 
giu 05 2010
Corpus domini PDF Stampa E-mail
Riflessioni
Scritto da Angela Fariello   
sabato 05 giugno 2010

corpus_domini.jpg

 

Per il video commento al Vangelo clicca qui

 
mag 22 2010
Pentecoste PDF Stampa E-mail
Riflessioni
Scritto da Angela Fariello   
sabato 22 maggio 2010
pentecoste.jpg
 
mag 19 2010
Domenica di Pentecoste PDF Stampa E-mail
Riflessioni
Scritto da Redazione   
mercoledì 19 maggio 2010
79-holy_spirit_coming.jpg
La Pentecoste segna lo zenit dell'economia, cioè del disegno divino che si attua nella storia: perchè la Pasqua di Cristo, che è il cuore nella storia, ha nello Spirito Santo il suo frutto supremo. E' come se, con la morte di Cristo in croce, si fosse spezzata una diga e così la vita divina, prima raccolta nella sua umanità ha invaso il mondo. Non dice Paolo che Egli, con la resurrezione è diventato "spirito vivificante", capace cioè di comunicare a tutti il suo spirito? La sera di Pasqua Egli appare ai discepoli raccolti nel cenacolo, e con gesto profetico "alita su di loro" dicendo: "ricevete lo Spirito Santo". Impossibile non pensare all'alba della creazione quando Dio alita sulla creta che ha plasmato e le infonde la sua vita: e così balza fuori l'uomo vivente. Ora è il Risorto che alita sui suoi per una nuova creazione. E l'alito del Risorto è lo Spirito Santo. Dopo cinquanta giorni lo stesso Spirito investe gli Apostoli sotto forma di lingue di fuoco e ne fa gli iniziatori del nuovo popolo. Certo la Pasqua è il vertice della vita di Cristo, ma senza la Pentecoste essa sarebbe un avvenimento lontano, incapace di afferrare la nostra vita. Se la Pasqua è "oggi" e non un semplice avvenimento passato,è grazie allo Spirito. 
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Pross. > Fine >>

Risultati 460 - 468 di 544

Vinaora Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday344
mod_vvisit_counterYesterday794
mod_vvisit_counterThis week344
mod_vvisit_counterThis month344
mod_vvisit_counterAll5871537

Login

Live Users

Created by Francesco Benedetto